la cultura ha trovato casa

barra sponsor fondo nero

La Fedro

Fedro è una Società Cooperativa Sociale Onlus, nata nel febbraio 2005 per volontà di tre amici: Davide Rossi (Presidente della cooperativa), Ermanno Bongiorni e Pietro Tagliaferri, che hanno inteso unire le proprie vocazioni per dare vita ad una realtà professionale caratterizzata da creatività e pragmatismo.
La cooperativa, che nel 2006 ha già allargato la propria base sociale con l’ammissione di una nuova socia, Simona Cerri, addetta stampa della cooperativa, conta di strutturarsi ulteriormente con la progressiva accoglienza di nuove professionalità in qualità di soci lavoratori, al fine di essere sempre più incisiva sul territorio, pur mantenendo una compagine snella.

La nostra Vision
La Vision che ispira l’attività della cooperativa Fedro può essere riassunta in tre punti chiave: chiarezza di linguaggio, atteggiamento non elitario e affidabilità.

La nostra Mission
Lo scopo principale della cooperativa Fedro si riassume nell’intento di promuovere l''integrazione sociale ed il territorio attraverso la cultura, intesa nelle sue molteplici manifestazioni (musica, letteratura, mostre artistiche e fotografiche, creazioni e installazioni artistiche, dibattiti sull’attualità…), mediante un rapporto stretto con il tessuto sociale della città e con il suo territorio.
In quest’ottica, obiettivo prioritario della cooperativa Fedro è creare sinergia con molteplici soggetti del mondo culturale, non solo locale e fare rete con le altre realtà territoriali. In poco meno di due anni, infatti, la cooperativa ha creato collaborazioni con la Regione Emilia Romagna (Assessorato alla Cultura), con Enti Pubblici (i Comuni di Piacenza, Bobbio, Rivergaro, Travo e Gossolengo), con il mondo associazionistico e con esponenti del mondo della musica, della letteratura, dell’arte e dello sport, noti a livello locale, nazionale e internazionale.
Ottimi conoscitori della Val Trebbia, Tagliaferri, Rossi e Bongiorni, fin dall’inizio della loro attività, hanno posto particolare attenzione alle vallate e alle montagne del piacentino, alle loro risorse e potenzialità e alla loro gente.

StampaEmail